Giovedì, 12 Agosto 2021 07:43

Grazie Ricevute

Vota questo articolo
(0 Voti)

Dopo l’annuncio della morte di madre Caterina, avvenuta il 6 maggio 1887 all’età di  74 anni, una grande folla partecipò ai solenni funerali e tra i musulmani si diceva: “E’ morta la nostra mamma, è morta la Santa”. La fama di santità di madre Caterina tuttavia non si manifestò soltanto dopo la morte, ma già durante la sua vita terrena. Di lei scrive suor M. Scolastica Soldati:

Ebbe il dono della profezia e dei miracoli. Quando nel 1865 le Suore di Santa Chiara della Carità in Ferentino si dichiararono sciolte da ogni impegno con la Missione dell’Egitto, Madre Caterina ne fu addoloratissima. Però rassegnata a ciò che il buon Dio dispose, predisse che a tempo, quelle Religiose, avrebbero chiesto esse stesse di riunirsi al suo Istituto. Difatti ciò avvenne dopo trent’anni, cioè nel 1895. E non solo ebbe il dono di predire il futuro, ma anche quello di sanare gli infermi. Nel maggio 1884 io mi trovavo un giorno dopo la recita del Vespro fuori del Coro a parlare con Madre Caterina su ciò che dovevo fare in segreteria, quando vediamo entrare la guardarobiera di Sua Altezza la Hedive, signora Jeanne, ansante e piangendo gridò: «Madre, Madre Badessa, mi dia qualche cosa di suo da mettere sugli occhi di mio marito che colpito da una forte oftalmia è sul punto di perdere la vista. Il medico non ha più che fare: la prego, me la dia».

Povera signora, che cosa posso farle io, disse la Madre. Io le suggerii: «Le dia qualche suo fazzoletto sicura che qualche cosa avrebbe operato. Allora la Madre si ritirò in camera pregando, e, preso un fazzoletto lo portò alla signora che, fiduciosa andò subito a deporlo sugli occhi del marito. Non era passata un’ora che quella ritornò giuliva gridando: «Madre, Madre, mio marito è guarito perfettamente. La ringrazio sentitamente». Madre Caterina ne fu contentissima: però non attribuì a sé il prodigio, ma alla fede della signora e alla bontà del Signore”.  (Positio  1962, Ad 47 interr., proc. fol. 85 terg)

Il proclamarla donna santa in vita scaturiva da un sentimento popolare spontaneo che, col moltiplicarsi delle grazie ottenute per sua intercessione, andò crescendo sia nell’Istituto che fuori dell’Istituto. La causa della sua santità non furono i miracoli ma la sua vita virtuosa, che ha reso la sua esistenza un miracolo vivente dell’Altissimo.

Venne sepolta nel cimitero latino del Cairo. Tra il compianto unanime di cristiani e di musulmani, la sua salma fu poi trasferita nella cappella di Clot-Bey; dal 3 novembre 1967 è nella chiesa del Cuore Immacolato di Maria, annessa alla Casa generalizia di Roma.

La sua fama di santità, aggiunta alla grande stima dimostratale dalle autorità civili egiziane, dai diplomatici e governanti europei, dalle benevolenze dei pontefici Pio IX e Leone XIII per lei e per le sue suore, fu determinante per l’introduzione della causa di beatificazione, a partire dal 1937.

È stata beatificata il 14 aprile 1985 da San Giovanni Paolo II

OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II

MODELLO DI DONNA FORTE E AMOREVOLE

Letto 157 volte Ultima modifica il Giovedì, 02 Settembre 2021 08:30
Altro in questa categoria: « La vita

Donazioni

Conto Corrente Postale n° 37440005
intestato a: 
MISSIONARIE DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA

Scarica il bollettino precompilato download free small

Bonifico bancario intestato a: 
FRANCESCANE MISSIONARIE D'EGITTO
IBAN: IT 08 M 02008 03289 000600019382

Contatti

Per qualsiasi informazione non esitare a contattarci:
  Via C. Troiani 91, 00144 Roma
 +39 06.52200332 - 06.52205475
 +39 06.52205473
 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 

L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito e favorisce il miglioramento dei servizi offerti all'utente. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie.